Home News Finanza Le famiglie italiane sono indebitate (in media) per più di 20mila euro

Le famiglie italiane sono indebitate (in media) per più di 20mila euro

[ad_1]

L’esposizione delle famiglie italiane con banche, istituti di credito e finanziarie di diverso tipo ammonta a oltre 525 miliardi di euro. È il calcolo fatto dalla Cgia di Mestre, che ha analizzato la situazione debitoria delle famiglie, quantificando in un +1,6% rispetto al 2015 l’aumento dell’esposizione dei nuclei familiari con gli istituti bancari. Una somma che porta a 20.341 euro la cifra media di “debito” delle famiglie, un dato che sembra essere cresciuto proprio in relazione alla piccola ripresa economica, che ha convinto gli italiani a chiedere mutui con maggiore frequenza ha dato una scossa ai consumi interni.

Si tratta di una rilevazione che tiene conto dell’indebitamento causato dall’accensione di mutui per l’acquisto di una abitazione, dai prestiti per l’acquisto di un auto o moto e in generale di beni mobili, dal credito al consumo, dai finanziamenti per la ristrutturazione di beni immobili e di altri prestiti “generici”.

Come ha spiegato il segretario della Cgia, “dopo il picco massimo toccato nel 2011 le esposizioni sono scese costantemente fino al 2014, per ritornare a salire negli anni seguenti fino a raggiungere il livello record di 525,9 miliardi di euro nel 2016”.

Nel dettaglio, si nota che le situazioni di più profondo indebitamento si riscontrano in Lombardia e in particolare nella provincia di Milano, dove le famiglie sono esposte in media per 29.304 euro; il dato territoriale è particolarmente interessante, poiché ai primi 5 posti della classifica troviamo solo province lombarde. La provincia di Roma si colloca invece al settimo posto, con una esposizione di circa 26.700 euro, seguita da Siena, con 25.640 euro. In coda alla graduatoria le province meridionali e, in particolare, Reggio Calabria, Vibo Valentia ed Enna, che chiude la classifica con una esposizione di poco più di 9mila euro a famiglia.


[ad_2]

Fanpage.it – fonte proprietaria dell’articolo – leggi l’articolo originale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here