Home News Finanza Assicurazioni Rc Auto: si allunga l’elenco delle truffe online. Ecco come evitarle

Assicurazioni Rc Auto: si allunga l’elenco delle truffe online. Ecco come evitarle

[ad_1]

La primavera coincide col rinnovo della polizza assicurativa Rc Auto

(oltre ch di altro genere) per molti italiani, ma occorre fare attenzione perché la truffa è sempre dietro l’angolo. Utile dare un’occhiata al sito di Ivass (l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni), che periodicamente segnala siti “truffa” che non sono riconducibili ad alcun intermediario assicurativo iscritto nell’apposito registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi.

Il fenomeno dei siti truffa purtroppo è in crescita: se nel 2015 furono solo tre le segnalazioni di tali attività, nel 2016 salirono a 15 e quest’anno siamo già arrivati a 7 siti di fantomatiche compagnie assicurative che emettono polizze non autorizzate, svolgendo dunque un’attività di intermediazione assicurativa irregolare. Nel dettaglio, Assicurazionitemporaneeonline.webnode.it si presenta come un’agenzia assicurativa del gruppo “Assicurazioni Temporanee Trieste” che, sottolinea l’Ivass, è “apparentemente riconducibile alla Helvetia Compagnia Svizzera di Assicurazione S.A. di cui riporta la denominazione e il logo”.

Peccato però che la stessa Helvetia, molto nota in Italia dove opera da oltre 60 anni nei rami Vita e Danni, con un volume di premi emessi ogni anno superiore agli 882 milioni di euro, ha comunicato “la propria estraneità alla commercializzazione di polizze tramite il suddetto sito, dichiarando di non aver alcun rapporto di collaborazione con soggetti che operano tramite lo stesso”. Tanto più che, ha ricordato ancora Helvetia, “le polizze Rc auto temporanee non rientrano tra i prodotti assicurativi offerti alla propria clientela”.

Nel sito è riportato il seguente numero di iscrizione nel Registro unico degli intermediari assicurativi: B0000154793, simile ma non identico – avverte l’Ivass – a quello di un intermediario iscritto (Lino Barnabei) il quale ha per di più dichiarato all’authority “la propria totale estraneità alle attività svolte tramite il predetto sito internet, che pertanto non risulta riferibile ad alcun intermediario autorizzato”.

Caso simile per Guidiassicura.it e Assitempo.it, che si presentano ciascuna come un’agenzia assicurativa plurimandataria riportando anche il nominativo di broker regolarmente iscritti nel Registro unico degli intermediari assicurativi, i quali tuttavia hanno poi dichiarato la propria totale estraneità alle attività svolte tramite detti siti internet. Contibroker.it e Leoneassicurazione.com fanno prima: si presentano come agenzie assicurative plurimandatarie che commercializzano, tra le altre, anche polizze Rc auto anche temporanee, ma non riportano non sono riconducibili ad alcun intermediario iscritto nel registro.

Assicurazionibrevi.it, ancora una volta attiva nell’offerta di polizze Rc auto anche temporanee, non solo non riporta alcun numero di iscrizione nel Registro Unico degli Intermediari assicurativi e riassicurativi, ma neppure la denominazione o la ragione sociale del soggetto che intermedia le polizze. Infine anche Studiobovio.com si presenta come un’agenzia assicurativa plurimandataria, ma in questo caso riporta, con una certa fantasia, “un indirizzo corrispondente alla sede di una società che non svolge attività di intermediazione assicurativa e ha dichiarato la propria totale estraneità alle attività svolte tramite il predetto sito internet”.

Morale della storia: sottoscrivere polizze online consente spesso un risparmio di tempo e di costi rispetto alla classica visita in agenzia, a patto di ricordarsi di controllare che i documenti di ciascun operatore che emette la polizza contengano questi 3 elementi, obbligatori: i dati identificativi dell’intermediario; l’indirizzo della sede, il recapito telefonico, il numero di fax e l’indirizzo di posta elettronica; il numero e la data di iscrizione al Registro unico degli intermediari assicurativi e riassicurativi nonché l’indicazione che l’intermediario è soggetto al controllo dell’Ivass.

I siti web o i profili Facebook (o di altri social network) che non contengono le informazioni sopra riportate non sono conformi alla disciplina in tema di intermediazione assicurativa ed espongono il consumatore al rischio di stipulazione di polizze contraffatte, che comportano per i contraenti l’insussistenza della copertura assicurativa e per gli operatori lo svolgimento di un’attività non consentita dalle vigenti disposizioni di legge.

Per evitare sorprese l’unica misura preventiva possibile, oltre ad usare sempre la diligenza del buon padre di famiglia, è consultare sul sito dell’Ivass stesso gli elenchi delle imprese italiane ed estere ammesse ad operare in Italia, l’elenco aggiornato dei casi di siti contraffatti (come quelli sopra segnalati) e il Registro unico degli intermediari assicurativi nonché dell’Elenco degli intermediari dell’Unione Europea.

[ad_2]

Fanpage.it – fonte proprietaria dell’articolo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here